Voglio mandarvi tutti in Paradiso

porziuncola-antica

 

_“Padre Santo, non domando anni, ma anime”.
E felice, il 2 agosto 1216, insieme ai Vescovi dell’Umbria, annuncia al popolo convenuto alla Porziuncola:
“Fratelli miei, voglio mandarvi tutti in Paradiso!”.

Perdono di Assisi:
http://www.porziuncola.org/indulgenza-della-porziuncola-40-1.html


Adesso

In attesa di quel giorno, non ho che questa terra per riflettere.
Nell’attesa tutto avviene qui, adesso, come dice la vecchia preghiera: “adesso e nell’ora della nostra morte”.
Mi piace questa formula frusta, queste tre parole agglomerate come tre pezzetti di cera fusa ai piedi di un candelabro – adesso e nell’ora della nostra morte.

Il tempo in questa preghiera è fatto solo di questi istanti: l’istante presente e l’istante della morte.
L’avvenire non è niente.
Il passato non è niente. C’è solo l’attimo presente, fino a quando coinciderà con quello della nostra morte.
L’amore è ancora il modo migliore di impiegare questo istante – un modo di soggiornare presso ciò che la vita ha di più lieve e di più dolce.

Christian Bobin
Più viva che mai


S P O T

SU  MARIA VISION

CANALE 687 DIGITALE TERRESTRE  😉


Messaggio Medjugorje 25 luglio 2017

 

avatar_fdf41e19169b_128

“Cari figli! Siate preghiera e riflesso dell’amore di Dio per tutti coloro che sono lontani da Dio e dai comandamenti di Dio.
Figlioli, siate fedeli e decisi nella conversione e lavorate su voi stessi affinché la santità della vita sia per voi veritiera.
Esortatevi al bene attraverso la preghiera affinché la vostra vita sulla terra sia più piacevole.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


San Charbel

IMG_4072

Oggi si festeggia san Charbel : ne sentii parlare molti anni fa, ma non approfondii …
Poi un paio di anni fa mi scontrai con la sua santità inaudita e misteriosa quasi inquietante tanto sorprendenti le manifestazioni concesse negli anni a innumerevoli testimoni.
Mi ha veramente sconvolto l’incontro con le sue ‘impronte virtuose’ e vi lascio curiosare i vari link che parlano di lui, certa che nemmeno voi ne uscirete indenni 😉 ( e non fate come me, non lasciate passare anni prima di approfondire la sua vita e soprattutto i suoi miracoli!).

Si festeggia il giorno del mio onomastico, per cui mi considero ‘adottata’ d’ufficio e mi sento in dovere di farlo conoscere a chi ancora non ha sentito parlare di lui.

Buona e Santa Avventura!

http://web.cheapnet.it/sancharbel/index.html

http://www.charbelfriends.com/_il_padre_pio_dei_libanesi.html

Per la cronaca: l’unica sua immagine esistente è apparsa in uno scatto fotografico di alcuni monaci che visitarono la sua tomba, allo sviluppo della foto, apparve un uomo che non era con loro al momento dello scatto ed era lui!!!!


Amèn

Sentirsi amati è la svolta decisiva. Prima, tutto ti feriva, ti accorgevi di ogni minima distanza fra le tue attese e l’altrui comportamento; soffrivi se qualcuno ti ignorava, o ti trattava bruscamente. La vita dipendeva dagli altri, per quella insicurezza che in tanti ci portiamo dentro dall’infanzia, perché le vicende della vita – dalla distrazione […]

via Le mani — La poesia e lo spirito


Le lettere hanno il potere di donarci una vita più grande

6725735_1375503

 

Quest’opera è ispirata da un’idea semplice: il suono – fatico ancora a definirlo: il lieve fruscio di una busta spedita per via aerea, il tonfo di un pesante invito accompagnato da un cartoncino con la richiesta R.S.V.P., l’allegro sussurro di un biglietto di ringraziamento – che la lettera fa quando cade sullo zerbino.

Auden aveva ragione: il romanticismo della posta e delle notizie che porta, le possibili permutazioni della corrispondenza. Solo l’arrivo di una lettera ci chiama con una fede eternamente rinnovabile.
La casella della posta in arrivo contro la scatola da scarpe; solo una delle due verrà custodita gelosamente, tenuta da parte, portata con sé durante un eventuale trasloco e dimenticata quando non ci saremo più.

E’ meglio – mi chiedo- che la nostra storia personale, la prova della nostra esistenza emotiva, sia racchiusa in un server Cloud (un magazzino rivestito di acciaio) in qualche pianura americana o che si trovi dove è sempre stata, cioè sparpagliata tra i nostri averi materiali?
Il fatto che le e-mail siano più difficili da archiviare nonostante la durevolezza garantita dai pixel è un paradosso con cui stiamo cominciando a scontrarci solo ora.
Ma riusciremo mai a provare un senso di euforia aprendo la cartella della posta elettronica?

Le e-mail sono una gomitata, ma le lettere sono una carezza, e rimangono al loro posto in attesa di essere riscoperte.

 

Continua a leggere


‘Oro’ per i migranti

GettyImages-815071868

 

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-9ceb67c5-c3f1-4c7c-98f7-2cbefd8d713c.html?iframe


La via per conoscere se stessi e ..

inta.bulatienè

 

La parola tedesca Erkennen significa originariamente : ‘prender coscienza, afferrare col pensiero, ricordarsi’.
Mi conosco nel momento in cui prendo coscienza di me stesso, mi calo in me stesso e scopro il mio nucleo più intimo. Conoscere ha in certo modo a che fare con l’essere a contatto col mio intimo, col percepire non solo la mia figura esterna, ma anche il mio più intimo Sé, ciò che costituisce la mia vera essenza.

Questo prender coscienza ha a che fare con lo spirito.
Il mio intimo, non posso toccarlo con le mani. Ha bisogno dello spirito, che diviene consapevole del suo proprio Sé, che si immerge nel Sé, per afferrarlo e comprenderlo.
Conoscere il proprio Sé significa ‘ricordarmi’ sempre di nuovo di andare al di dentro, di venire in contatto con me stesso, con l’immagine originaria che Dio si è fatto di me.
Il Sé non è qualcosa che si è generato durante la mia vita.
Piuttosto è qualcosa di originario, l’immagine inalterata che Dio si è fatto di me.
..

Per i monaci la conoscenza di sé era la condizione preliminare per conoscere Dio.

 

Anselm Grün
50 Angeli per l’anima
Queriniana
Immagine di Inta Bulatienè


VIETATO LAMENTARSI (e se a chiederlo è il Papa …)!

Il cartello è apparso da qualche giorno sulla porta del suo appartamento a Casa Santa MartaIl Papa è in vacanza, ha sospeso le udienze e gli impegni, e si gode un po’ di tranquillità pur nell’afosa estate romana. Il pontefice, a differenza dei predecessori, non usa mai la pausa estiva per andare in villeggiatura, non…

via Il Papa “vieta” di lamentarsi — Aleteia.org – Italiano