Il più e il meno

Quando si tratta di Erri de Luca, ogni parola aggiunta è inopportuna.
Bastano le sue (anche se lui non ne è mai certo: proprio per questo forse).

il-piu-e-il-meno

 

“ I nodi sono fatti per essere poi sciolti.
..
Ho saputo da me che per scrivere bisogna stare sgomberi, sfrattati, come alloggi in cui arrivano le storie, a carovane zingare in cerca dello spazio di nessuno.
..
Avevo saputo quel giorno la notizia certa che la scrittura era campo aperto, via di uscita.
Poteva farmi correre dove non c’era un metro per i piedi, mi scaraventava al largo mentre me ne stavo schiacciato sopra un foglio.
Sono uno che si è messo a scrivere da quel giorno, per forzare le chiusure intorno.
..
Il lettore trascina autore e storia nel suo maltempo o in villeggiatura, lo fa sedere accanto, e mentre legge, anche rimpasta.
Ricevere da un libro è azione attiva quanto quella di scriverlo.
Da lettore so che spetta a me portare a finitura quello che sto leggendo, combinandolo con la mia esistenza.”

Erri de Luca

Annunci

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: