Per una nuova nascita

chetOM8r3fOy_s4

Una delle espressioni più tipiche del culto al Sacro Cuore è stata, ed è ancora, la così detta pia pratica dei primi nove venerdì del mese.
Storicamente, essa ha trovato il suo inizio nelle rivelazioni di Cristo stesso a santa Margherita Maria Alacoque, la mistica francese del Seicento grazie alla quale la devozione al Sacro Cuore tanto si è propagata nel mondo moderno.
Sappiamo infatti, dalle pagine da lei scritte, che Gesù stesso, mostrando il Suo Cuore e aprendole così la conoscenza infusa del Suo amore per gli uomini, le disse:

‘ A tutti quelli che per nove mesi consecutivi si comunicheranno al primo venerdì d’ogni mese, io prometto la grazia della perseveranza finale: essi non morranno in mia disgrazia, ma riceveranno i Santi Sacramenti (se necessari) ed il mio Cuore sarà loro sicuro asilo in quel momento estremo’.

La Chiesa stessa garantisce la veracità di queste parole, poiché Papa Benedetto XIV°, nella Bolla di canonizzazione della Santa, afferma : ‘Tali appunto furono le parole che Gesù benedetto rivolse alla sua serva fedele’.

[..]

… intere generazioni di cristiani hanno compiuto questa pia pratica e vi hanno trovato aiuto e conforto. Negli ultimi anni purtroppo è stata quasi passata nel dimenticatoio. Alcuni possono essere stati distolti da essa perché male vissuta dagli stessi devoti, come una specie di assicurazione per la vita eterna, tale da permettere una vita di peccato. Naturalmente non è così e non è questo il senso della cosa.
Mi permetto soltanto di osservare che il volere, per i primi nove venerdì del mese, accostarsi ai sacramenti crea in noi una specie di abitudine mentale, una disposizione interiore per la quale implicitamente si desidera vivere da buoni cristiani per tutto questo tempo.
Alcuni moralisti parlerebbero di un’opzione fondamentale tale da escludere il peccato mortale: possono rimanere le tante debolezze, ma il Signore conosce il cuore, vede in noi il desiderio di rispondere al Suo amore, e non si limita a guardare le cose esterne. In questo senso, nove mesi sono come il periodo di una gestazione: è una nuova nascita, un cammino di grazia, molto semplice, molto fattibile da ognuno di noi.

p. Ottavio De Bertolis, sj

Annunci

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: