Tag

,

O uomo,

impasto di bene e di male,

leva la luce che è in te,

coronala di sacrifici.

Tu, uomo, sei  lo spettacolo del giorno:

sorgi al mattino e ti addormenti alla sera

per il buon riposo.

Ecco, ogni giorno si compie in te

l’equinozio della primavera:

c’è un momento in cui fai fiori,

un momento in cui fai stelle,

un momento in cui fai le tenebre.

E’ in queste ore di tenebre

che io ti vengo a cercare.

Ovunque comincia la fuga d’amore

tra me e te:

io che entro nel tuo sonno,

e quando tu sogni i demoni,

i demoni della tua morte,

e ti senti lontano da Dio,

io ti resuscito il giorno.

 

Bagnatevi gli occhi ogni mattino

e ringraziate Dio perché vedete la luce,

e che questa luce non diventi mai

il fuoco della superbia.

Vi ho lasciato lavorare,

costruire,

attendere.

Perché invece di odiare il vostro fratello

non gli dite: Vieni a vedere,

non ti sei accorto che siamo ancora vivi

e padroni dell’universo?

Vi ho regalato tutta la terra,

e ogni tanto vi attaccate

a una misera proprietà

e credete che sarà vostra per sempre.

Non è così:

il vostro più stupido nemico

ve la potrebbe togliere

da un momento all’altro.

Però oltre alle valli e alle montagne

c’è un altro regno

che voi non vedete e io vi regalerò:

la mia consolazione.

Voi entrerete nel mio grembo

e sarete partoriti ogni giorno nella beatitudine.

 

 

 

Alda Merini

Cantico dei Vangeli

 

Foto dal sito www.theenchantedcove.tumblr.com/archive … modificata.