Vademecum__2

“Mantenete la freschezza del carisma, rispettate la libertà delle persone e cercate sempre la comunione”: sono i tre pilastri che il Papa indica ai circa 350 partecipanti al Terzo Congresso mondiale dei Movimenti ecclesiali e delle Nuove Comunità, ricevuti stamani in udienza in Vaticano.

 

A riunirsi, su invito del Pontificio Consiglio per i Laici, i delegati  delle realtà associative internazionali più diffuse per riflettere sul tema “La gioia del Vangelo: una gioia missionaria”, ispirato all’Esortazione apostolica Evangelii Gaudium. Il Congresso si è svolto presso il Pontificio Collegio internazionale “Maria Mater Ecclesiae”. Il primo incontro mondiale è stato quello del 1998 con Giovanni Paolo II; il secondo nel 2006 con Benedetto XVI.

 

Conversione e missione: due elementi centrali e intimamente legati.

 

E Papa Francesco sottolinea che i Movimenti e le Nuove Comunità sono “ormai proiettati alla fase della maturità ecclesiale” che richiede CONVERSIONE PERMANENTE PER RENDERE SEMPRE PIÙ FECONDA LA SPINTA DI EVANGELIZZAZIONE. Tre quindi i pilastri su cui basarsi. Prima di tutto la freschezza del carisma. Con il tempo, infatti, cresce la tentazione di accontentarsi, “la tentazione di ingabbiare lo Spirito”:

 

 

“Se forme e metodi sono difesi per sé stessi diventano ideologici, lontani dalla realtà che è in continua evoluzione; chiusi alla novità dello Spirito, finiranno per soffocare il carisma stesso che li ha generati. OCCORRE TORNARE SEMPRE ALLE SORGENTI DEI CARISMI E RITROVERETE LO SLANCIO PER AFFRONTARE LE SFIDE”.

Papa Francesco rileva, infatti, che anche i Movimenti non hanno fatto “una scuola di spiritualità così”, non hanno “un gruppetto” ma “movimento”:

 

“Sempre sulla strada, sempre in movimento, sempre aperto alle sorprese di Dio, che vengono in sintonia con la prima chiamata del movimento, quel carisma fondamentale”.

 

 

Il secondo punto su cui Papa Francesco si sofferma è “IL MODO DI ACCOGLIERE” LE PERSONE, IN PARTICOLARE I GIOVANI, TENUTO CONTO CHE OGGI “FACCIAMO PARTE DI UN’UMANITÀ FERITA” E CHE “TUTTE LE AGENZIE EDUCATIVE”, SPECIALMENTE LA FAMIGLIA, HANNO GRAVI DIFFICOLTÀ OVUNQUE.

 

Il Papa rileva, infatti, che l’uomo di oggi ha difficoltà “a fare le proprie scelte” e ha quindi una disposizione “a delegare ad altri le decisioni importanti della vita”.

NON BISOGNA DUNQUE SOSTITUIRSI ALLA LIBERTÀ DELLE PERSONE PERCHÉ  OGNUNO “HA IL SUO TEMPO: CAMMINA A MODO SUO E DOBBIAMO ACCOMPAGNARE QUESTO CAMMINO”.

 

Un progresso “ottenuto facendo leva sull’immaturità della gente è un successo apparente, destinato a naufragare.

Meglio pochi – dice – ma andando sempre senza cercare lo spettacolo!”:

 

 

“L’EDUCAZIONE CRISTIANA INVECE RICHIEDE UN ACCOMPAGNAMENTO PAZIENTE CHE SA ATTENDERE I TEMPI DI CIASCUNO, COME FA CON OGNUNO DI NOI IL SIGNORE: MA IL SIGNORE HA PAZIENZA, HA PAZIENZA CON NOI! LA PAZIENZA È LA SOLA VIA PER AMARE DAVVERO E PORTARE LE PERSONE A UNA RELAZIONE SINCERA COL SIGNORE”.

 

 

Non si deve poi dimenticare la terza indicazione che riguarda la comunione. PERCHÉ IL MONDO CREDA CHE GESÙ È IL SIGNORE, BISOGNA CHE VEDA LA COMUNIONE FRA I CRISTIANI E NON MALDICENZA E “IL TERRORISMO DELLE CHIACCHIERE”.

CRISTO, INFATTI, HA VERSATO IL SUO SANGUE PER IL FRATELLO E “NON PER LE MIE IDEE”.

 

Per il Papa, quindi, “la vera comunione non può esistere in un movimento o in una nuova comunità se non si integra nella comunione più grande che è la nostra Santa Madre Chiesa Gerarchica”. Questo vuol dire affrontare insieme le questioni più importanti come “la vita, la famiglia, la lotta alla povertà in tutte le sue forme, la libertà religiosa e di educazione”. E in particolare bisogna curare le ferite prodotte da una mentalità globalizzata “che mette al centro il consumo, dimenticando Dio e i valori essenziali dell’esistenza”:

 

 

“Per raggiungere la maturità ecclesiale, dunque, mantenete – lo ripeto – la freschezza del carisma, rispettate la libertà delle persone e cercate sempre la comunione”.

 

 

Papa Francesco invita, quindi, a non dimenticare che per raggiungere questo traguardo “la conversione deve essere missionaria”, e cioè che “la forza di superare tentazioni e insufficienze viene dalla gioia profonda dell’annuncio del Vangelo, che è alla base  – dice – di tutti i vostri carismi”.

“Voi avete portato già molti frutti alla Chiesa e al mondo intero, ma ne porterete altri ancora più grandi con l’aiuto dello Spirito Santo”, dice il Papa esortando ad “andare avanti”, sempre in movimento:

 

 

“Adesso vi chiedo, tutti insieme, di pregare la Madonna, che ha provato  questa esperienza di sempre conservare la freschezza del primo incontro con Dio, di andare avanti con umiltà, ma sempre in cammino, rispettando il tempo delle persone. E poi di non stancarsi mai di avere questo cuore missionario”.

 

 

Papa Francesco

Omelia 22 novembre 2014

 

Annunci

God bless you !

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...