Lettera a Michele Pierri

Tu mi parli della tua vita e dell’angelo

che ha lasciato in te il profumo della

presenza,

tu mi parli di solitudini

e di antiche montagne di memorie

e non sai che in me risvegli la vita,

non sai che in me risvegli l’amore,

parlandomi di una donna.

Io penso a quella che fui

quando morii mill’anni or sono

e adesso tua discepola e canto,

scendo giù fino al Golfo

a toccare la tua ombra superba,

o stanco poeta d’amore

fissato a una lunga croce.

 

 

Alda Merini

Vuoto d’amore

Annunci

God bless you !

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...