Quando Dio visita il Suo popolo, restituisce SPERANZA

Il Vangelo del giorno parla di Gesù che si avvicina ad un corteo funebre: una vedova di Nain ha perso il suo unico figlio.

Il Signore compie il miracolo di riportare alla vita il giovane – afferma il Papa – ma fa di più: è vicino. “Dio – dice la gente – ha visitato il suo popolo”. Quando Dio visita “c’è qualcosa in più, c’è qualcosa di nuovo”, “vuol dire che la sua presenza è specialmente lì”. Gesù è vicino:

 

 

“Era vicino alla gente. Dio vicino che riesce a capire il cuore della gente, il cuore del suo popolo. Poi vede quel corteo, e il Signore si avvicina. Dio visita il suo popolo, in mezzo al suo popolo, e avvicinandosi. Vicinanza. E’ la modalità di Dio. E poi c’è un’espressione che si ripete nella Bibbia, tante volte: ‘Il Signore fu preso da grande compassione’. La stessa compassione che, dice il Vangelo, aveva quando ha visto tanta gente come pecore senza pastore. Quando Dio visita il suo popolo, gli è vicino, gli si avvicina e sente compassione: si commuove”.

 

“Il Signore – ha proseguito Papa Francesco – è profondamente commosso, come lo è stato davanti alla tomba di Lazzaro”. Come è commosso quel Padre “quando ha visto tornare a casa il figlio” prodigo:

 

 

“Vicinanza e compassione: così il Signore visita il suo popolo. E quando noi vogliamo annunziare il Vangelo, portare avanti la Parola di Gesù, questa è la strada.

 

L’altra strada è quella dei maestri, dei predicatori del tempo: i dottori della legge, gli scribi, i farisei … Lontani dal popolo, parlavano … bene: parlavano bene. Insegnavano la legge, bene. Ma lontani.

 

E questa non era una visita del Signore: era un’altra cosa. Il popolo non sentiva questo come una grazia, perché mancava la vicinanza, mancava la compassione e cioè patire con il popolo”.

 

 

 

“E c’è un’altra parola – ha sottolineato il Papa – che è propria di quando il Signore visita il suo popolo: ‘Il morto si mise seduto e incominciò a parlare, ed egli – Gesù – lo restituì a sua madre’”:

 

 

“QUANDO DIO VISITA IL SUO POPOLO, RESTITUISCE AL POPOLO LA SPERANZA. SEMPRE. Si può predicare la Parola di Dio brillantemente: ci sono stati nella storia tanti bravi predicatori. MA SE QUESTI PREDICATORI NON SONO RIUSCITI A SEMINARE SPERANZA, QUELLA PREDICA NON SERVE. E’ VANITÀ”.

 

 

GUARDANDO GESÙ CHE HA RESTITUITO ALLA MAMMA IL FIGLIO VIVO – HA CONCLUSO IL PAPA – “POSSIAMO CAPIRE COSA SIGNIFICA UNA VISITA DI DIO AL SUO POPOLO. E CHIEDERE LA GRAZIA CHE LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI CRISTIANI SIA TESTIMONIANZA PORTATRICE DELLA VISITA DI DIO AL SUO POPOLO, CIOÈ DI VICINANZA CHE SEMINA LA SPERANZA”.

 

 

 

Papa Francesco

Omelia 16 settembre 2014

News.va

 

Annunci

God bless you !

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...