Inevitabile

Sono  partiti a uno a uno. Noi aspettavamo. Non sono tornati.

Com’è che ci abituiamo a tanta separazione?

Né monti, né alberi, né case,

e nessun uomo; dimenticati anche i nomi,

e il grigio disteso fin dentro, perfino sulle pagine non scritte.

Soltanto, sul prato secco con gli spini gialli

è spuntata una rosa come per sbaglio. Di notte

ricordalo questo, quando guarderai lontane sul mare

le tre piccole luci ambulanti. Ricordalo.

Oh, chiaro di luna triste, incurabile, tienimi con te.

 

 

Ghiannis Ritsos

Annunci

God bless you !

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...