La Madre

Maria: basta il suo nome, evocarlo nella sua cristallina trasparenza perché ogni roca collera si dissolva e nella stratta fossa entro cui rissiamo, Ella conduca la serena annunziazione dell’iride come un ponte di luce …

L’alone della sua bellezza colora la vita, ingentilisce ovunque arrivi, chiunque investa; e il suo sorriso, dal balzo dell’infinito, rasserena la giornata donandosi come pioggia di luce …

Da due millenni, con le parole dell’arcangelo, milioni di anime giornalmente l’invocano, una, dieci, centocinquanta volte ciascuna; e a ogni invocazione, s’appressano a Lei, ma senza raggiungerla mai; così come non la raggiunge, vicina com’è e lontana, nessuna rappresentazione d’artista …

Quel viso sorridente o quello sguardo dolorante di donna attenua la durezza dell’uomo e gli riconduce nel cuore un bisogno di perdono e d’affetto …

Le umili donne del popolo non hanno troppo spesso che Lei a cui confidare la loro pena e da Lei traggono forza per tirare innanzi …

Quel suo canto del Magnificat compensa e rassicura tutte le generazioni dei tribolati e degli anonimi, con l’esultanza di una gioiosa e inesorabile rivoluzione, che capovolgerà i termini delle categorie sociali.

 

Igino Giordani

Segno di contraddizione

Annunci

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: